GIOVANNI PASSANNANTE. L’UOMO CHE BARATTÓ LA SUA GIACCA CON UNA LAMA PER UCCIDERE IL RE

GIOVANNI PASSANNANTE. L’UOMO CHE BARATTÓ LA SUA GIACCA CON UNA LAMA PER UCCIDERE IL RE

Il 17 novembre 1878 Umberto I, da poco salito al trono, si trovava a Napoli, nell’ambito di un tour delle principali città italiane, in cui voleva presentarsi al popolo.
Tra la folla, poco festosa e assai supplicante vista la condizione in cui versava, c’era Giovanni Passannante. Trentenne anarchico che al momento opportuno tirò fuori un coltello che nascondeva dentro uno straccio e assalì il sovrano. Umberto fu colpito di striscio, la regina lanciò contro l’attentatore un mazzo di fiori, e il presidente del consiglio Cairoli tentò di fermarlo prendendosi una pugnalata alla gamba. L’intervento dei corazzieri bloccò Passannante, che fu colpito alla testa da un fendente del capitano De Giovannini.

L’anarchico al momento dell’assalto aveva gridato “Viva Orsini! Viva la Repubblica universale! Si scoprì in seguito che aveva barattato la propria giacca per quella lama di 12 cm con cui voleva uccidere il re. Passannante fu condannato a morte. Davanti ai giudici sentenziò “La maggioranza che si rassegna è colpevole. La minoranza ha il diritto di richiamarla.” La pena venne poi commutata all’ergastolo per regia grazia. Grazia che Passannante disse più volte di non voler ricevere.
La galera fu peggiore della morte.

Portato nella prigione della Torre della Linguella fu chiuso in una cella minuscola, buia e umida, legato ad una catena di diciotto chili che gli impediva quasi di muoversi. Per dieci anni visse in queste condizioni. Subì torture durissime, fu costantemente denutrito. La sua salute peggiorò anno dopo anno. Ancora oggi il suo fascicolo carcerario, conservato a Perugia, non è consultabile al pubblico. Dopo una decade, in cui numerosissime furono le proteste per la sua condizione, fu trasferito in un manicomio criminale.
Morì il 14 febbraio del 1910 dopo trentadue anni di detenzione.
La sua testa fu decapitata e il suo corpo violato.
Solo nel 2007 i suoi resti torneranno nel suo paese di origine, Salvia di Lucania, che il re aveva ribattezzato dopo l’attentato Savoia di Lucania.
Re che però era morto dieci anni prima di Passannante per mano di Gaetano Bresci.

cultura, storia , , , , ,

Informazioni su peoplehavethepower

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo nei commenti dell'articolo interessato. Saranno immediatamente sistemati o rimossi.ATTENZIONE: Questo Blog non intende in alcun modo incentivare condotte vietate. Tutte le informazioni contenute sono da intendersi esclusivamente ai fini di una piu' completa cultura generale. L'amministratore del Blog, lo staff non si assumono nessuna responsabilita' per un uso improprio delle informazioni contenute nel sito. Leggi peoplehavethepower con responsabilità.

Precedente Snoop Dogg investe 25 milioni di dollari nel mercato della cannabis legale Successivo Stiamo per scattare la prima foto di un buco nero della storia, grazie al telescopio Event Horizon

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.