La Grande Barriera Corallina Australiana è stata ufficialmente dichiarata Morta

La Grande Barriera Corallina Australiana è stata ufficialmente dichiarata Morta.

Pessime notizie nella salvaguardia dell’ambiente: la Grande Barriera Corallina Australiana, un luogo unico per la biodiversità della fauna marina, è ormai praticamente morta, a causa delle temperature proibitive raggiunte dall’acqua.

Il fenomeno è promosso dal riscaldamento globale, e quindi dall’introduzione di gas serra nell’atmosfera da parte dell’uomo e le sue attività produttive.

Alla base dello sconvolgimento dell’ecosistema c’è lo sbiancamento dei coralli, la cui salute è minacciata anche da minime variazioni della temperatura.

La formazione della Barriera risale a più di 25 milioni di anni fa.

La Grande barriera corallina (in inglese Great Barrier Reef) è la barriera di corallo più grande del mondo, composta da oltre 2 900 barriere coralline singole e da 900 isole; si estende per 2 300 km, su una superficie di circa 344 400 km². È una delle più grandi attrazioni turistiche dell’Australia, generando ogni anno un reddito per 5 miliardi di dollari australiani (3,9 miliardi di dollari).
 
È situata al largo della costa del Queensland, nell’Australia nord-orientale. La Grande Barriera Corallina può essere vista dallo spazio ed è la più grande struttura fatta di un unico organismo vivente. La struttura è composta da miliardi di minuscoli organismi, noti come i polipi del corallo. La barriera ha una grande biodiversità, ed è stata inclusa come Patrimonio dell’Umanità nel 1981. La CNN l’ha inclusa nelle sue sette meraviglie del mondo

Prima

 

https://www.nytimes.com/…/great-barrier-reef-coral-climate-…

ambiente, animali, inquinamento, natura , , , , ,

Informazioni su peoplehavethepower

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo nei commenti dell'articolo interessato. Saranno immediatamente sistemati o rimossi.ATTENZIONE: Questo Blog non intende in alcun modo incentivare condotte vietate. Tutte le informazioni contenute sono da intendersi esclusivamente ai fini di una piu' completa cultura generale. L'amministratore del Blog, lo staff non si assumono nessuna responsabilita' per un uso improprio delle informazioni contenute nel sito. Leggi peoplehavethepower con responsabilità.

Precedente Grazie a questo farmaco potremo vivere fino a 120 anni? Successivo Snoop Dogg investe 25 milioni di dollari nel mercato della cannabis legale

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.