Bon ton a quattro zampe, basi di galateo per animali

Bon ton a quattro zampe, basi di galateo per animali

Quando si sceglie di avere in famiglia un animale questo ne diventa parte a tutti gli effetti ed in quanto tale deve seguire una serie di norme e regole che possano aiutare a gestirne le relazioni con gli altri. E’ importante ricordare che seppur amato come un familiare un animale non è un essere umano ed in tal senso ne devono essere riconosciute esigenze e abilità diverse dalle nostre in modo mettere subito in chiaro quali siano i doveri e relative colpe dell’animale e del/i padrone/i ed evitare spiacevoli incidenti o brutte figure.

L’indole di un cane o di un qualunque altro animale non si può certo modificare ma si può gestire educandolo a comportarsi al meglio. Alcune norme basilari, come il rispetto degli spazi e dei luoghi, degli oggetti e della quiete devono essere insegnate sin dall’inizio della convivenza, in casa prima di tutto.

Fuori casa sarà necessario insegnare già dai primi mesi di vita al cucciolo come comportarsi nel caso di passeggiate o gite. Il guinzaglio è uno strumento molto utile se usato con raziocinio. Non deve essere uno strumento di tortura ma qualcosa che impedisca all’animale di mettere in pericolo sé e gli altri allontanandosi da chi lo accompagna. Per evitare pericoli sarebbe indicato far camminale l’animale dal lato del muro in modo da limitarne contatti e stimoli potenzialmente pericolosi e tenerlo sempre abbastanza vicino. Nel rispetto dell’animale sarebbe, poi, opportuno evitare luoghi chiassosi o troppo affollati che potrebbero infastidirlo e destabilizzarlo alterandone, talvolta imprevedibilmente, il comportamento.

Nel caso dei cani è fondamentale tempestivamente raccogliere i bisognieventualmente lasciati per strada dall’animale. Il cane compie un azione per lui naturale e necessaria e non è consapevole di poter arrecare danni o fastidi agli altri passanti; al contrario il suo padrone lo sa bene per cui sarà suo compito e sua responsabilità lasciare gli spazi comuni puliti come li ha trovati.

Nell’interazione con altri animali, come ad esempio dal veterinario o in un parco, prima di permettere l’avvicinamento, è bene studiare il comportamento dei coinvolti e capire se è opportuno restare in disparte, in modo da evitare spiacevoli zuffe.

Se l’animale si è sporcato particolarmente o tende a sbavare in modo copioso sarebbe opportuno evitare il contatto troppo ravvicinato con altre personerinunciando, ad esempio, a portarlo in luoghi affollati o in luoghi in cui si devono rispettare particolari norme igieniche come all’interno di negozi, supermercati o, peggio ancora, ristoranti, sempre che ne sia ammesso l’ingresso. Sarà bene, comunque, munirsi del necessario per ripulirlo anche pensando al benessere psicofisico dell’animale.

E’  bene ricordare, poi, che non tutti amano gli animali per cui è necessario rispettare eventuali divieti di ingresso o restrizioni poste dai gestori di un’attività poiché la libertà personale termina nel momento in cui lede quella altrui motivo per cui rispetto e buon senso devono sempre prevalere nei rapporti civili. Nel caso ci si trovi davanti ad una persona che ha una particolare paura si avrà cura di non forzare il contatto con l’animale e di non deriderla o sminuirne il disagio poiché la sua situazione è strettamente personale e come tale va rispettata su tutti i fronti.

Quando si va a casa di altre persone è bene sincerarsi preventivamente se l’invito è rivolto anche al proprio animale domestico o se questo non è ammesso, per i più svariati motivi: la presenza di altri animali, eventuali allergie, carenza di spazi o l’assoluta mancanza da parte dei padroni di casa di empatia animale sono tutte valide ragioni e come tali vanno accolte e rispettate. Qualora non si abbia modo di uscire senza essere accompagnati dal proprio animale si declinerà l’invito spiegando con semplicità, e senza farlo pesare, il motivo del rifiuto.

Se si viaggia, infine, è necessario organizzarsi secondo le disposizioni dell’ente di trasporto ed attrezzarsi per tempo con eventuali trasportiniborsemuseruole o quanto richiesto e verificare per tempo se è necessario il pagamento di un biglietto speciale per il nostro compagno di viaggio. In auto, poi sarà bene dotare il proprio veicolo di tutti gli accorgimenti utili al trasporto di animali evitando di arrecare ogni sorta di disturbo ad altri eventuali passeggeri e non lasciando mai l’animale incustodito.

fonte: http://www.leregolediv.it

animali, Educazione , , , ,

Informazioni su peoplehavethepower

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo nei commenti dell'articolo interessato. Saranno immediatamente sistemati o rimossi.ATTENZIONE: Questo Blog non intende in alcun modo incentivare condotte vietate. Tutte le informazioni contenute sono da intendersi esclusivamente ai fini di una piu' completa cultura generale. L'amministratore del Blog, lo staff non si assumono nessuna responsabilita' per un uso improprio delle informazioni contenute nel sito. Leggi peoplehavethepower con responsabilità.

Precedente In vendita su Amazon il primo Robot acquistabile a partire da 1000 euro che lavora al posto tuo e ti porta a casa lo stipendio. Successivo La maleducazione dei padroni spesso rende obesi i loro amici a quattro zampe

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.