Il 15 aprile 1967 moriva Antonio de Curtis, per noi semplicemente Totò

Il 15 aprile 1967 moriva Antonio de Curtis, per noi semplicemente Totò

Accadde Oggi,

Totò ebbe tre funerali. Il 15 aprile del 1967, poco dopo esser morto tra le braccia dei suoi cari, il corpo di Totò fu portato nella Basilica di Sant’Eugenio nel quartiere Pinciano di Roma per una benedizione, dopodiché la salma iniziò il suo viaggio di ritorno verso Napoli, la città-madre, da cui tutto era iniziato e dove una massa impensabile di persone attendeva il ritorno a casa del principe de Curtis. Nei giorni successivi fu celebrato in maniera ufficiale nella Chiesa del Carmine e successivamente, qualche settimana dopo, in maniera ufficiosa nella chiesa di San Vincenzo nel quartiere Sanità, dove Totò era nato nel 1898.

Questa storia dei tre funerali, al di là degli aspetti leggendari, avrebbe di certo strappato una risata al grande comico, che dell’accumulazione e della reiterazione di una parola, una frase, un evento, faceva una delle strategie della sua arte: l’immortale arte del far ridere. Il pubblico, certamente, ma anche i migliori intellettuali e registi della sua epoca, come ha giustamente evidenziato Goffredo Fofi in un recente articolo su Avvenire, tra cui Mario Monicelli, Pier Paolo Pasolini, Federico Fellini, Roberto Rossellini e  Alberto Lattuada.

Non fu amato, invece, dagli intellettuali che non ne riconobbero il caos anarchico, la risata contro i potenti, complici alcune discutibili scelte dello stesso principe de Curtis, certamente, che probabilmente per soldi accettò di fare tanti, troppi film “commerciali”. Ma il potere anarchico del suo corpo, delle sue battute, del suo modo di sbeffeggiare i potenti e ricordare agli italiani ciò che gli italiani, all’indomani della guerra volevano dimenticare, cioè la fame da cui venivano, non venne mai meno. Questo è il punto: Totò conosceva la miseria, conosceva la fame. E, come lui stesso ha detto una volta, la miseria è alla base di ogni possibilità del comico:

Io so a memoria la miseria, e la miseria è il copione della vera comicità. Non si può far ridere se non si conoscono bene il dolore e la fame, il freddo, l’amore senza speranza, la disperazione della solitudine di certe squallide camerette ammobiliate alla fine di una recita in un teatrucolo di provincia; e la vergogna dei pantaloni sfondati, il desiderio di un caffellatte, la prepotenza esosa degli impresari, la cattiveria del pubblico senza educazione. Insomma, non si può essere un vero attore comico senza aver fatto la guerra con la vita.

Un lascito fondamentale, che oggi a mezzo secolo di distanza, in un mondo abitato da artisti narcisisti e perfettamente a loro agio nei meccanismi del mainstream, dovrebbe ricordare a tutti che “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior”. E il fiore della risata è destinato a restare immortale, come Totò, eterna maschera che ci fa ridere ancora oggi.


“Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo paese, in cui però per venire riconosciuti qualcosa, bisogna morire.“
…e aveva ragione Totò che a 50 anni dalla sua scomparsa diventa dottore delle Arti e dello Spettacolo.
Pochi giorni fà, infatti, l’Università degli Studi di Napoli Federico II, ha conferito all’indimenticabile “Principe della risata” la Laurea honoris causa alla memoria in “Discipline della Musica e dello Spettacolo. Storia e Teoria”.
L artista non prese mai una laurea mentre era in vita, non ottenne nemmeno la licenza ginnasiale, essendo troppo distratto dalla sua vocazione artistica che ha sempre saputo fare in maniera eccellente.
Dall’Ateneo fra i più antichi d’Italia e del mondo, la Laurea alla memoria arriva come un gesto necessario e dovuto nei confronti di un artista che ha incarnato e portato sullo schermo tutte le discipline dello spettacolo: dalla mimica alla comica, a quella teatrale e cinematografica, acquisite da una lunga esperienza personale che Totò ha vissuto e saputo catturare. Una cultura che rispecchia anche una napoletanità nobile che, nella sua carriera artistica e sociale, ha sempre saputo rappresentare.

 

Cinema e Tv, cultura , , , ,

Informazioni su peoplehavethepower

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo nei commenti dell'articolo interessato. Saranno immediatamente sistemati o rimossi.ATTENZIONE: Questo Blog non intende in alcun modo incentivare condotte vietate. Tutte le informazioni contenute sono da intendersi esclusivamente ai fini di una piu' completa cultura generale. L'amministratore del Blog, lo staff non si assumono nessuna responsabilita' per un uso improprio delle informazioni contenute nel sito. Leggi peoplehavethepower con responsabilità.

Precedente Sylvester Stallone: «Ero così povero da vendermi il cane». Ma con il primo stipendio... Successivo PAS IL MERAVIGLIOSO CERVELLO EMOTIVO DELLE PERSONE ALTAMENTE SENSIBILI E I LORO DONI

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.